Correnti Galvaniche - Ivo Baffigi Perito Navale

Vai ai contenuti

Correnti Galvaniche

LiveZilla Live Chat Software

Perizie correnti galvaniche:

Che cos’è la corrosione galvanica

La corrosione galvanica è una reazione elettro-chimica che si innesca quando metalli di diverso potenziale elettrico, immersi in un liquido conduttore (detto elettrolita), entrano in contatto tra loro, direttamente o per intervento di un ulteriore elemento che funge da collegamento.

La corrente elettrica che si genera è capace di intaccare il metallo con il potenziale più basso (anodo), di norma il metallo meno “nobile” , corrodendolo.

Riassumendo: quando due metalli diversi sono immersi in un elettrolita liquido che conduce elettricità e connessi elettricamente fra di loro, si genera un processo elettrochimico che produce una corrente elettrica e provoca anche la corrosione di uno dei due elettrodi: quello composto dal metallo diciamo “meno nobile” quello con elettronegatività minore.

Consigli:

Ricordate: ogni singolo apparecchio elettrico installato a bordo deve avere il polo negativo collegato direttamente alla batteria e mai, dico mai, collegato a massa al blocco del motore, o ad un passascafo o al metallo dello scafo.

Non lasciate la barca collegata ai 220V in banchina

Un altro modo di generare le condizioni favorevoli alla corrosione galvanica è quello di lasciare la barca collegata alla presa a 220 Volts della banchina.
Spesso mi capita di vedere barche che sono perennemente collegate alla 220V anche quando non ce ne sarebbe assolutamente bisogno, cioè nei periodi in cui non c’è nessuno a bordo.
Questo è assolutamente da evitare, in quanto è un invito a nozze per la corrosione galvanica. Infatti due barche vicine entrambe collegate alla 220V sono elettricamente collegate tra di loro attraverso il cavo di messa a terra della banchina! Ed ecco quindi che si ripresentano le condizioni favorevoli alla corrosione, elencate prima: metalli diversi immersi in acqua (per esempio la chiglia in ghisa della barca del nostro vicino e la nostra elica in alluminio) elettricamente connessi tra di loro attraverso il cavo comune di messa a terra.
Nel caso dell’esempio qui sopra, la nostra elica in alluminio ne subirebbe le conseguenze negative.
Un ottimo metodo per porre rimedio alla corrosione galvanica quando collegati alla banchina è quello di installare sul circuito a 220 Volts un isolatore galvanico.
COME VERIFICARE CHE NON CI SIANO PROBLEMI DI CORROSIONE:
Effettuare verifiche e controlli richiede esperienza e conoscenza adeguata , ed l'utilizzo di attrzzature professionali specificatamente concepite per questo tipo di controlli:
Controllare che non ci siano problemi di corrosione sullo scafo è sicuramente un ottimo investimento sia in termini economici che di sicurezza quando si scopre la corrosione potrebbe essere già tardi , è possibile implementare nella perizia nautica i seguenti controlli:
1)verificare che gli zinchi lavorino correttamente e che siano efficienti. (Questa operazione deve essere eseguita con unità a mare)
2)Verificare che non siano presenti correnti vaganti. Quest'ultime sono di gran lunga le più pericolose in quanto gli anodi sacrificali non hanno effetto protettiovo dove il metallo disperde la corrente(Questa operazione deve essere eseguita con unità a mare)
3)Verificare la resistenza di isolamento tra le varie parti metalliche dello scafo.(Questa operazione deve essere eseguita con unità a secco)


PROTECT TEST
Tester completo per il controllo completo del potenziale elettrico,sonda in cloruro di argento ed altri accessori per verificare l'effettiva protezione di una imbarcazione o struttura metallica a mare.
Grazie a questo strumento si possono eseguire le seguenti verifiche:
Misura delle attività della corrosione su strutture marine immerse;
verifica dell' efficienza della protezione catodica fornita da anodi sacrificali per individuare eventuali interventi di manutenzione;
identificazione di aree prive di protezione catodica in un' impianto esistente.


misure su impianti di protezione catodica
        (riservato confidenziale)


esempio di tabella rilevamento correnti galvaniche

Prevenzione, protezione, controllo:
La regola da rispettare è questa: nessun metallo diverso nella serie galvanica , nessuana corrosione , nessun contatto tra metalli nessuna corrosione ,niente acqua nessuna corrosione.
I test :per verificare che non ci siano problemi di corrosione: compresi in una verifica completa (il prezzo viene fornito solo su preventivo ,il controllo della protezione catodica indicato nella sezione tariffe NON comprende tutti i controlli sotto riportati:
VERIFICA DEL BONDING (si fa solo con la'unità a secco)
MISURAZIONI CON LA MEZZA CELLA AG/AGCL (la verifica è fatta solo ed esclusivamente con l'unità navale in mare , per cui diffidate da chiunque vi dica che questo tipo di verifica può essere effettuato anche con la barca a terra).
CONTROLLO DEL LAVORO DEGLI ZINCHI (si fa solo con la'unità a mare)
SOVRA-PROTEZIONE (si fa solo con la'unità a mare)
CONTROLLI SULL’IMPIANTO ELETTRICO (è consigliabile che venga effettuato da un elettricista)
CONTROLLO DELLE CORRENTI VAGANTI:l primo controllo è verificare se passa corrente tra la terra della barca e quella in banchina (con il cavo di alimentazione ovviamente staccato)
le correnti vaganti si formano solo se i collegamenti elettrici sono difettosi verifica il circuito elettrico con la strumentazione specifica , verifica di ogni utenza sia in Ac e DC

Alcuni miti da sfatare:
Gli zinchi servono a impedire la corrosione dovuta alle correnti vaganti.
La corrosione galvanica avviene solo se i due metalli sono immersi in acqua.
Se i metalli sono immersi in acqua dolce non c'è corrosione.
Il circuito di bonding è inutile nelle barche in vetroresina.
La corrente alternata non provoca corrosione.
La terra del circuito AC va tenuto isolato dalla terra della barca.
Il neutro va messo a terra.
Ivo Baffigi Via Panoramica 233 58019 Porto Santo Stefano (Grosseto)
Torna ai contenuti